PIC 18 + ICOM R6

Stampa
( 1 Vote ) 
Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Categoria principale: Elettronica Categoria: Microcontrollori
Data pubblicazione
Scritto da Mirko Visite: 3953

PIC18F2550+ICOM

(Necessaria è la conoscenza dell'architettura dei 18F)

Tutti i possessori di apparati scanner/ricetrasmittenti ICOM utilizzano, per una più veloce personalizzazione dell'apparecchio stesso, un cavo dati il quale con un applicativo della casa madre ci consente di effettuare tutti i settaggi necessari . I cavi dati in genere non sono molto costosi, ci sono quelli seriali (i più economici ) ma non essendoci più porte seriali nei pc  si utilizza un adattatore  USB/RS232 oppure si passa ad un cavo adattatore USB. Quindi  o si compra il cavo oppure  possiamo autocostruirne uno noi, e a dire il vero non mi sembra di aver trovato ad oggi progetti in rete a riguardo.

SCHEMA ELETTRICO

Qui di seguito alcune foto del prototipo collegato e funzionante, la scheda è una microGTmini progettata per i PIC16  con a bordo però, previo semplici modifiche circuitali, un PIC 18F2550 il quale ha integrate le periferiche necessarie e cioè la USB e la UART (porta seriale TTL) i componenti montati come si noterà dallo schema elettrico sono quelli per una configurazione minima, il quarzo è stato inserito, anche se il PIC18 ha la possibilità di utilizzare quello interno, poichè la periferica USB per funzionare necessita di quarzo esterno, è chiaro che si può utilizzare tranquillamente un millefori; per comodità avevo già montato questa scheda per altri progetti e quindi l'ho riutilizzata.

Nella foto sopra una panoramica del prototipo mentre nelle due seguenti il ricevitore mostra la comunicazione attiva prima in lettura e poi in scrittura.

 

Lo spinotto che si va ad inserire nel ricevitore, che nel nostro caso è un IC-R6, è un jack stereo da 3,5mm .

Disponibile al seguente link c'è l'hex da caricare nel PIC files/teppei68/icom_hex.zip le librerie microchip aiutano molto ma solo se hai i kit previsti, infatti l'adattamento anche dal solo PIC4550 al PIC2550 non è nè semplice e nè immediato a tal proposito per le modifiche del caso vi invito a consultare altro materiale presente nel web: www.microprogrammo.it  in questo sito trovate un discreto tutorial riguardo la usb ed il PIC2550 (anzi colgo l'occasione per ringraziare l'autore). Vediamo ora alcuni screenshoot:

Il nostro PIC è stato riconosciuto ed è stata assegnata la porta seriale emulata 17, cliccando poi su impostazioni della porta bisognerà impostare la velocità a 19200 in quanto la velocità della porta UART del PIC come da sorgente è appunto impostata a questa velocità.

Il programma della ICOM in esecuzione, bisognerà selezionare la porta di comunicazione quindi sarà selezionata la COM 17.

Qui la comunicazione in fase di LETTURA è stata avviata.

Per il resto il progetto presente nelle librerie microchip (disponibile qui files/teppei68/Device_-_CDC_-_Serial_Emulator.zip) è in realtà un emulatore della porta seriale (non  proprio completo perchè non implementa tutti i pin della UART ma sufficiente per il nostro scopo) quindi comunicare con il nostro PIC via USB con porta seriale emulata non è difficile ed è sufficiente un Hyper Terminal o meglio ancora Real Terminal ponticellare, con una resistenza da 1K, i piedini  del PIC TX RC6 e RX RC7 per vedere l'eco di ciò che si invia. Importante a questo punto è per chi volesse realizzare questa interfaccia rispettare rigorosamente lo schema elettrico ed i suoi componenti; a tal proposito nella linea TX/RX sono state posti  in serie una resistenza ed un diodo questo perchè il segnale in uscita TX dall'ICOM non è TTL ma segue le caratteristiche elettriche della seriale nativa....certamente questa  è stata una mia (spartana) soluzione ,la più veloce e funzionale ma forse non proprio la più consona; differentemente bisognerebbe aggiungere un max232 tra la porta del PIC ed il circuito adattatore della ICOM (files/teppei68/opc478_sch.gif)  . Dentro la cartella allegata prima trovate i driver per far riconoscere il pic da winzoz ci sono: il sorgente e tutti i file inclusi al progetto. Per qualsiasi ulteriore info postate.