Un LFO per synth - Korg MS-10 Modulation Generator

Stampa
( 1 Vote ) 
Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Categoria principale: Audio Categoria: Musica Elettronica
Data pubblicazione
Scritto da Elettronico Visite: 2669

Un LFO per synth - Korg MS-10 Modulation Generator


Un semplice LFO (oscillatore a bassa frequenza), tratto dal service manual del synth monofonico Korg MS-10, facilmente reperibile in rete. Si tratta di un circuito utile come fonte di modulazione per altri moduli (ad es. VCO, VCF, VCA) di un sintetizzatore musicale elettronico.

Buongiorno a tutti! Questo è il mio primo articolo qui su Infoportal, era diverso tempo che non pubblicavo qualcosa su siti di elettronica. Vi dico subito che sono appassionato di musica, in particolare del mondo relativo ai sintetizzatori sia nel loro impiego sia nei loro aspetti tecnici. Tra le mie pagine future, quindi, compariranno soprattuto progetti e realizzazioni in questa direzione. In questo semplice articolo ho riesumato una vecchia pagina scritta su un altro sito di elettronica, in quanto mi sono state rivolte richieste in merito e preferivo condividerle qui piuttosto che su "altri lidi".

Premessa 

E' il 1975. La Korg mette sul mercato il synth analogico MS-10: keyboard a 32 tasti, 18 manopole per la regolazione dei parametri dell'unico VCO presente, del filtro passa-basso con il mitico IC proprietario Korg35, del generatore d'inviluppo ADSR e del Modulation Generator (ovvero dell'LFO); nel suo case nero, interessante per l'epoca per la la possibilità di "patchare" gli effetti nel modo desiderato attraverso collegamenti con cavvetti Jack esterni, pur senza le dimensioni dei bestioni Moog o del più modesto ARP 2600. Nessuno si sarebbe aspettato la valutazione, a distanza di quasi 40 anni di questa macchina: i fortunati possessori hanno tra le mani un synth da oltre un milione di vecchie lire.

Troppo, per un appassionato, che però si può dedicare all'autocostruizione di qualche modulo del buon vecchio synth, scoprendo che la "missione" non è impossibile... basta avere tanta pazienza, un paio di OpAmp, transistor, FET, resistenze, condensatori, potenziometri, trimmer... ma soprattutto tanta tanta passione e voglia di far suonare questi "inanimati" componenti... ecco, il gioco è fatto! In questo articolo ho intenzione di presentare l'oscillatore a bassa frequenza (LFO), definito dalla Korg stessa come Modulation Generator (MG).

Descizione & schema

Il circuito originale permette la regolazione di due parametri, attraverso potenziometri, ovvero la frequenza di oscillazione del LFO e la forma dell'onda (duty cycle). E' infatti munito di due uscite:
-   Quadra / Rettangolare
-   Triangolare / Dente di Sega



Nota: lo schema è stato prelevato da un service manual del Korg MS-10 e rimesso a posto con Paint per la pessima qualità dell'originale.

Come doppio amplificatore operazionale può essere impiegato un comunissimo LM358 oppure un TL082, un LM1458 o qualsiasi altro OpAmp doppio (tenendo conto che deve sopportare una power supply di 15V duali e deve avere la medesima pedinatura). Detto componente va alimentato con una tensione duale con una valore compreso tra 12 + 12V e 15 + 15V collegando il negativo (attenzione! NON la massa!) al PIN 4 dell'integrato e il positivo al PIN8. Per maggior precisione ecco il PINOUT dei succitati OpAmp doppi in contentiore DIL.



Preciso che i valori di molti componenti scritti sullo schema possono essere modificati senza incorrere in problemi. Ad esempio ho modificato la R108 con una 4,7K che avevo e la R109 con una 2,2K modificando di poco l'ampiezza dell'onda quadra in uscita. Stesso discorso per la R116: ho usato una 3,9K invece della 3,3K. Modificando il valore di C34 si cambia la frequenza di oscillazione: la frequenza è inversamente proporzionale al valore della capacità di C34, ovvero se si aumenta la capacità la frequenza diminuisce. Personalmente ho usato due condensatori da 3,3 µF elettrolitici in antiserie (per ottenerne uno non polarizzato di valore 1,65 µF), inoltre si potrebbe inserire un deviatore che permetta di selezionare due diverse capacità introducendo così il controllo "HI RANGE / LO RANGE". Per i diodi al silicio vanno bene i classici 1N4148, mentre per il LED... quello originale del MS-10 era rosso.
Le resistenze sono tutte da 1/4W 5%.

Il circuito si presta ad essere velocemente realizzato su Breadboard come mostra questo mio video:

http://www.youtube.com/watch?v=RXSpvi3dF28

Foto del "work in progress":

Ringraziamenti

Il circuito è stato realizzato qualche anno fa, tutt'oggi funziona perfettamente all'interno del mio synth modulare, di cui prossimamente devo pubblicare qualche foto e qualche sample "in opera": è stato unito insieme ad un altro circuito, tratto dal fratello maggiore dell'MS-10 qui presentato, ovvero il Korg MS-20: questo progetto prevede un semplice VCA dedicato alla sorgente di modulazione e realizzato con un  artigianale fotoaccoppiatore.
Anche se è passato del tempo, devo sempre essere grato al mio amico Luca, alias TheAlu10000, vero esperto nei campi Musica ed Elettronica (e nella loro somma: synth), senza il cui aiuto l'LFO non avrebbe funzionato (a causa di un mio stupido errore di collegamento di un diodo). L'idea di montare i condensatori in quel modo e di inserire un deviatore era sua, uscita fuori durante una discussione su MSN, e l'aveva messa in pratica qui:



http://www.youtube.com/watch?v=D3KTUnLHao0

A presto con il PCB e il modulo completo.
Elettronico

Joomla 1.7 Templates designed by College Jacke